WhatsApp Group Join Now
Telegram Group Join Now

Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento – Ecco per chi?

Aprile porta novità ai pendolari lombardi, insieme alla primavera. Il Bonus trenord aprile 2024, che offre un rimborso agli abbonati dei treni regionali, ha subito cambiamenti importanti. Da questo mese, non si riceverà più il rimborso automaticamente. Ora bisognerà fare una richiesta specifica per ottenerlo.

Questa nuova procedura richiede attenzione dagli abbonati. Dovranno seguire passaggi precisi per assicurarsi il rimborso. Quali sono le nuove regole? E come si richiede il Bonus? Scopriamo insieme come navigare tra queste nuove procedure burocratiche.

Che cos’è il Bonus trenord aprile 2024?

Il Bonus trenord aprile 2024 è un rimborso riservato agli abbonati al Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia. Nel 2023, tale bonus veniva erogato automaticamente se si superava lo standard minimo di affidabilità in una o più mensilità. L’ultimo rimborso automatico per gli abbonati mensili è stato fatto a marzo 2024.

Tuttavia, dall’1 aprile 2024, ci sono stati importanti cambiamenti nella modalità di erogazione del bonus. I pendolari non riceveranno più il rimborso automaticamente; dovranno invece presentare una richiesta specifica per ottenerlo.

A chi spetta il Bonus trenord aprile 2024?

Il Bonus trenord aprile 2024 è per chi ha l’abbonamento mensile o annuale. Le regole sono cambiate, ora chi lo vuole deve chiedere esplicitamente.

Ecco cosa c’è da sapere: Bonus trenord aprile 2024

  • Abbonamenti Mensili e Annuali: Chi ha l’abbonamento mensile o annuale ha diritto al premio.
  • Quanto si riceve: Si riceve indietro il 30% di quanto si è pagato per l’abbonamento.
  • Come fare la richiesta: Bisogna chiedere il rimborso in modo specifico.
  • Chi è escluso: Chi viaggia solo tra alcune località specifiche e chi ha abbonamenti particolari come gli STIBM o i IVOP e IVOL non può avere il premio.

Quanto ammonta il Bonus trenord aprile 2024?

Il Bonus Trenord aprile 2024 è una specie di rimborso per chi ha l’abbonamento ai treni regionali in Lombardia. Nel 2023, questo bonus corrispondeva al 10% del costo dell’abbonamento, diviso per dodici, per ogni mese in cui i treni sono stati in ritardo più del solito.

Chi ha l’abbonamento annuale regionale in Lombardia può ancora chiedere questo bonus solo per i mesi del 2023 in cui i treni sono stati particolarmente in ritardo. Il rimborso viene dato solo per quei mesi.

Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento - Ecco per chi?
Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento - Ecco per chi? 6

Da aprile 2024, se il treno è in ritardo, per ottenere un rimborso del 30%, bisogna fare richiesta a Trenord. Questo vuol dire che chi ha l’abbonamento deve essere più attivo nel chiedere i soldi indietro quando il treno è in ritardo.

Bonus trenord aprile 2024: requisiti

Gli aggiornamenti riguardanti il Bonus Trenord aprile 2024 hanno introdotto nuove regole valide dal 1° aprile. Ecco i punti principali:

  • Abbonamenti: Il bonus si applica agli abbonamenti mensili o annuali.
  • Richiesta Attiva: Ora, per ottenere il rimborso non basta più aspettare. Gli abbonati devono fare richiesta specifica.
  • Percentuale di Rimborso: Il rimborso è del 30% del costo dell’abbonamento.
  • Tempistica per la Richiesta: Bisogna fare richiesta entro un anno dal diritto al rimborso.

Alcuni abbonati non hanno diritto al bonus, come quelli per viaggi in alcune località specifiche o chi possiede abbonamenti STIBM o integrati IVOP e IVOL.

Quando scatta il rimborso da parte di Trenord 2024

In merito al rimborso da parte di Trenord nel 2024, è importante tenere presente le seguenti informazioni:

Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento - Ecco per chi?
Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento - Ecco per chi? 7
  • Rimborso per problemi di Trenord: Se il motivo del rimborso è imputabile a Trenord, come la soppressione del treno o un ritardo di partenza di oltre 60 minuti, è possibile richiedere il rimborso entro 30 giorni dall’evento.
  • Rimborso per rinuncia del passeggero: In caso di mancata effettuazione del viaggio per rinuncia da parte del passeggero, al rimborso verrà applicata una trattenuta del 10% sull’importo del titolo di viaggio. Se si decide di impiegare integralmente il rimborso nell’acquisto di un altro titolo di viaggio, non verrà applicata alcuna trattenuta.
  • Per furto, smarrimento o deterioramento: Nel caso di furto, smarrimento o deterioramento di abbonamenti cartacei, ad eccezione degli annuali, non è previsto rimborso. Se l’abbonamento è digitale, caricato su tessera elettronica, può essere ricaricato su una nuova tessera previa verifica.

Come richiedere il Bonus trenord aprile 2024

Per richiedere il Bonus Trenord aprile 2024, è necessario seguire la nuova procedura introdotta. Ecco i passaggi da seguire:

Bonus trenord aprile 2024: Rimborso 30% del costo dell’abbonamento - Ecco per chi?
  • Sito Ufficiale: La via più semplice è collegarsi al sito ufficiale di Trenord e compilare l’apposito form. Nella sezione Assistenza > Servizi > Rimborsi e indennizzi, selezionare l’opzione Indennizzi per ritardi.
  • Modulo Cartaceo: È possibile compilare un modulo cartaceo presso le biglietterie Trenord o gli appositi My-Link Point. Dopo aver presentato l’istanza, verrà rilasciata una ricevuta.
  • Posta Elettronica Certificata (PEC): Inviare un PEC all’indirizzo di posta certificata [email protected]. Anche in questo caso, verrà rilasciata una ricevuta.
  • Raccomandata: È possibile inviare una raccomandata all’indirizzo Trenord S.r.l. – Ufficio Rimborsi, Piazzale Cadorna 14 – 20123 Milano. In seguito, verrà erogato un rimborso o un voucher.

Ricorda che il Bonus è riconosciuto agli abbonati al Servizio Ferroviario Regionale nel caso non venga rispettato lo standard minimo di affidabilità. Per i possessori di un abbonamento annuale a Tariffa Unica Regionale Lombardia, è ancora possibile richiedere l’erogazione del Bonus per le sole mensilità del 2023 in cui si è registrato il superamento dello standard minimo.

Leave a Comment