WhatsApp Group Join Now
Telegram Group Join Now

Cosa Aspetti? Richiedi Subito il Bonus Contratti Part Time 2023 da 550 Euro Se Hai un Contratto Part Time!

Se hai un contratto part-time periodico e hai un periodo di almeno un mese continuativo di non lavoro, per un totale compreso tra 7 e 20 settimane, potresti avere diritto al Bonus contratti part time 2023 da 550 euro previsto dal decreto fiscale n. 1. 145/2023. Si tratta di un beneficio erogato dall’INPS una tantum e non concorre alla formazione del reddito imponibile. In questo articolo ti spiegheremo i requisiti necessari e come presentare la domanda online.

Che cos’è il Bonus contratti part time 2023?

Il Bonus Contratti Part Time 2023 è una misura di sostegno al reddito per i dipendenti titolari di un contratto di lavoro part-time con sospensione periodica dell’attività lavorativa. Si tratta di una prestazione una tantum pari a 550 euro, erogata dall’INPS e non concorre alla formazione del reddito imponibile.

Come funziona il Bonus contratti part time 2023?

Il bonus per i contratti part-time nel 2023 è una misura di sostegno al reddito che viene riconosciuta ai lavoratori che hanno un contratto part-time con interruzioni cicliche dell’attività lavorativa. Questo beneficio, che consiste in un pagamento una tantum di 550 euro, è erogato dall’INPS e non incide sulla formazione del reddito imponibile. Introdotto in concomitanza con la Legge di Bilancio 2024, il bonus è stato istituito con il decreto fiscale n. 145/2023. Si applica ai soggetti che nel 2022 avevano un contratto part-time ciclico, con periodi di tempo non lavorato durati almeno un mese intero e complessivamente compresi tra 7 e 20 settimane.

Per ricevere il bonus i dipendenti sono tenuti a presentare domanda all’INPS entro il 15 dicembre 2023 utilizzando i canali telematici previsti sul sito dell’istituto. Tale bonus è cumulabile con l’assegno di invalidità e verrà concesso solo una volta per lavoratore. Il limite di spesa totale previsto per l’anno 2023 è fissato a 30 milioni di euro. Non è necessario riportare il bonus né sul modulo 730 né sul modulo PF Income.

A chi spetta il Bonus contratti part time 2023?

Il bonus contratti part time 2023 spetta a tutti i lavoratori con un contratto part time ciclico (non solo con contratto verticale) possono ricevere i bonus purché soddisfino i seguenti requisiti:

  • non ha altro contratto di lavoro;
  • Non beneficiario di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) o di benefici pensionistici diretti;
  • Presenta la domanda all’INPS entro il 15 dicembre 2023, utilizzando i canali telematici disponibili sul sito dell’Istituto.
Bonus contratti part time 2023

Leggi anche questo:- Scopri se hai diritto al Bonus renzi naspi Dicembre 2023

Quanto ammonta il Bonus contratti part time 2023?

Il bonus contratti part time 2023 ammonta550 euro per ciascun lavoratore che ha i requisiti previsti dalla legge. Si tratta di un’agevolazione una tantum, erogata dall’INPS, che non concorre alla formazione del reddito imponibile. Il bonus è stato introdotto dal decreto fiscale n. 145/2023, di accompagnamento alla Legge di Bilancio 2024.

Bonus contratti part time 2023: requisiti

Ecco i passi necessari per poter accedere al Bonus contratti part time 2023:

  1. Esclusione da altri contratti di lavoro dipendente: Per ottenere il bonus, è essenziale non essere titolari di altri contratti di lavoro dipendente.
  2. Non beneficiare di NASpI o pensione diretta: Chi desidera richiedere il bonus deve anche non essere percettore della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) o di un trattamento pensionistico diretto.
  3. Reddito annuo inferiore a 8.145 euro: È richiesto di non avere un reddito superiore a 8.145 euro all’anno per essere idonei al bonus.
  4. Servizio prestato per almeno 250 giorni: Infine, è necessario aver prestato servizio per almeno 250 giornate nel periodo di riferimento per poter accedere al bonus.
Bonus contratti part time 2023

Bonus contratti part time 2023: documenti

Documenti necessari per la richiesta del Bonus contratti part time 2023:

  • Codice fiscale del lavoratore;
  • Codice IBAN del conto corrente bancario o postale per l’accredito del bonus;
  • Codice identificativo del rapporto di lavoro part time ciclico (CUD o codice univoco del rapporto di lavoro);
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti il possesso dei requisiti previsti dalla legge, con firma digitale del lavoratore.

Bonus contratti part time 2023: Isee

Per ottenere il Bonus contratti part time 2023, non è richiesto di avere un valore specifico dell’ISEE. Tuttavia, i lavoratori con un reddito annuo superiore a 8.145 euro non sono idonei al bonus. Inoltre, non è necessario dichiarare il bonus nei modelli 730 o Redditi PF, poiché non ha rilevanza ai fini fiscali.

Bonus contratti part time 2023: Scadenza

La domanda può essere inviata entro il 15 dicembre 2023. Il bonus sarà erogato dall’INPS entro il 31 gennaio 2024. Il bonus non deve essere dichiarato nel modello 730 né nella PF Redditi.

Bonus contratti part time 2023

Bonus contratti part time 2023 come richiederlo

Per ottenere il bonus contratti part time 2023, segui questi passaggi:

  1. Scadenza Domanda: Presenta la tua richiesta all’INPS entro il 15 dicembre 2023.
    • Utilizza uno dei seguenti canali telematici 123:
      • Accedi al sito web dell’INPS con SPID, CIE o CNS. Vai a “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”.
      • Chiama il Contact Center ai numeri 803164 (gratuito da rete fissa) o 06164164 (da rete mobile).
      • Rivolgiti a un ente di patronato che ti assisterà nella compilazione e nell’invio della domanda.
  2. Documenti Necessari:
    • Codice fiscale
    • Codice IBAN del tuo conto corrente bancario o postale per l’accredito del bonus.
    • Codice identificativo del rapporto di lavoro part time ciclico (CUD o codice univoco del rapporto di lavoro).
    • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con firma digitale, attestante il possesso dei requisiti di legge.
  3. Erogazione Bonus: L’INPS trasferirà il bonus entro il 31 gennaio 2024. Non è necessario dichiararlo nel modello 730 o nel modello Redditi PF.

Leave a Comment